Indubbiamente risparmiare, nella vita in generale, è cosa intelligente. E vendere o comprare casa non fa eccezione.

Quindi, risparmiare la commissione dell’agenzia immobiliare, come detto, sembra una cosa intelligente da fare perché fa risparmiare soldi.

Per questo motivo molti cercano di vendere o comprare casa da soli senza rivolgersi all’agenzia immobiliare. E’ una scelta vincente?

Va detto però che non servirsi dell’agente è come cercare di riparare l’automobile da solo: finché devi cambiare la lampadina di un proiettore o rabboccare l’olio motore lo puoi fare senza problemi; se però il problema è più grave vanno considerate delle alternative ed il fai da te sarebbe a dir poco rovinoso (chi sarebbe in grado e avrebbe a disposizione l’attrezzatura e la competenza per smontare e rimontare un motore?!).

Quindi avrete già intuito la risposta alla domanda di prima. E’ una scelta vincente non servirsi dell’agente immobiliare? Esatto! la risposta corretta non è si, non è nemmeno no, è dipende!

Dipende da quali sono le vostre competenze, il vostro tempo libero, quanti soldi avete da investire in pubblicità e i vostri obiettivi di risultato in termini di tempo e profitto.

Quindi vendere (o comprare) casa da soli senza l’agenzia è sicuramente possibile. Ci sono tantissimi esempi, in quasi tutti gli altri settori, dove si può fare il “fai da te”: invece di comprare il pane dal fornaio lo posso fare in casa (risparmio sulla manodopera), invece di andare dal commercialista a fare la dichiarazione dei redditi me la faccio in casa (risparmio centinaia, se non migliaia di euro della sua parcella), invece di andare dal meccanico riparo io la mia auto, ecc.. Ok, ormai l’antifona l’avete capita.

Quindi ora approfondiamo la domanda.

Se sei il tesserato n.1 del club del “fai da te” allora ok. Hai l’automobile rotta e decidi di riparartela comunque da solo nel tuo garage e lo fai sapendo che magari qualche errore lo puoi commettere. Se ti va bene potrai vantarti al bar di avere fatto tutto da solo, avrai risparmiato la manodopera del meccanico ed avrai solo investito un po’ di soldi per i pezzi di ricambio ed il tuo tempo (che facciamo finta costi zero).

Personalmente non lo farei mai perché per risparmiare qualche centinaio di euro (o anche  qualche migliaia di euro, a seconda del danno alla mia auto), rischio di rovinare completamente il motore: immaginiamo di dimenticarsi di serrare bene il tappo della coppa dell’olio motore o di rimontare la cinghia di distribuzione male (secondo me questo esempio l’han capito solo gli uomini…). Però ognuno è libero di fare quel che vuole assumendosene i rischi, però.

Per l’agenzia immobiliare vale lo stesso discorso. Potete fare tutto da soli, nessuno lo vieta ed anzi, risparmierete i soldi della provvigione.

Ma quindi perché la maggioranza delle persone scelgono comunque di affidarsi ad una agenzia immobiliare?! I primi motivi che ci vengono alla mente:

  • possibilità di realizzare il miglior prezzo; l’agenzia, ancor più dei periti (non me ne vogliano), ha sott’occhio i valori di mercato aggiornati perché loro sono “dentro” il mercato quotidianamente. Vi consigliano il prezzo reale, se chiedete di più aspettando l’amatore preparatevi a pulire ogni mese le ragnatele dalle finestre, se chiedete di meno peccato, avrete perso qualche soldino;
  • minor tempo di vendita: che non significa vendere la tua casa domani, ma in tempi ragionevoli e senza perdite di tempo (per aprire la casa, per pulirla e riordinarla, senza contare permessi di lavoro, ecc.) ad ogni potenziale visitatore che ha visto il tuo numero di telefono sul cartello vendesi e che non cerca assolutamente una casa come la tua. Sappi che in giro ci sono un sacco di perditempo e malintenzionati che ne approfittano per sbirciare l’interno degli appartamenti;
  • Risparmio di un sacco di tempo (e soldi) che dovresti dedicare, se vendi da solo, a fare un minimo di promozione dell’immobile su volantini, portali internet a pagamento, social network, cartellonistica pubblicitaria, ecc..

Ah, quasi dimenticavo uno degli aspetti più importanti… “LA NORMATIVA VIGENTE

Premetto che se voi, a fine giornata lavorativa leggete il Sole 24 Ore tutti i giorni, frequentate corsi di aggiornamento sulle normative in campo immobiliare, uscite a cena con l’intero consiglio notarile della vostra provincia ed andate in vacanza con l’avvocato non andate avanti a leggere l’articolo. Non credo che vi serva. Se però non è così continuate la lettura.

Qualche cliente venditore ci dice che vendere la propria casa non è poi così difficile. L’unica cosa importante è trovare un acquirente soldomunito, poi si scrivono due righe con prezzo e data rogito e voilà, già fatto tutto. Tanto poi a per tutti controlli sui documenti ci pensa il notaio.

Se volete la nostra opinione, così ragionando vi state forse dirigendo verso la vendita della vostra casa, ma su questo sentiero

Sinceramente noi preferiremmo pagare il biglietto della cabinovia che ci porterà in cima alla montagna comodamente seduti e senza alcun rischio di inciampare e cadere per 1000m nel vuoto.

 

 

 

Mi spiego nel dettaglio: vi siete mai chiesti perché le famose  “due righe” di accordo quando le fate in agenzia o dal notaio non sono proprio due ma sono non meno di 4 o 5 pagine?!

Il motivo è che la normativa vigente (oltre all’esperienza!!!!) impone tutta una serie di passaggi che vanno concordati e resi noti all’acquirente.

Pensate ad esempio se nelle famose “due righe” vi dimenticaste di scrivere che la casa è vincolata da una convenzione comunale con prezzo imposto? Oppure se non scriveste nulla sullo stato degli impianti? Oppure, ancora, se non dichiaraste di avete ricevuto l’immobile per donazione, successione?

Insomma, questi sono solo alcuni esempi che potrebbero invischiarvi in cause legali che durerebbero anni, bloccherebbero la vendita della casa per altrettanto tempo e vi costerebbero migliaia di euro di spese legali.

Certamente il vostro agente immobiliare di fiducia avrà sarà in grado di guidarvi ad una corretta stesura del preliminare e vi fornirà tutte le indicazioni utili per giungere al rogito superando tutte le problematiche che inevitabilmente si incontrano.

Detto ciò, lo ripetiamo, nessuno vi vieta di fare il “fai da te”!